#Educational

PalazzinaEducational: lotta al cyberbullismo sui banchi di scuola

Andrea Faliva
Mar · 2 min. di lettura

Il web, una fonte inesauribile di risorse…e di pericoli. Come affrontarli, quando ci si presentano? Come gestire il peso delle accuse e delle offese, quando ne siamo vittime? Come possiamo evitare di essere additati come carnefici? Cosa possono fare i genitori e gli insegnanti per intervenire o educare al tema? Quest’anno PalazzinaEducational ha toccato le corde molto delicate del cyberbullismo, camminando sul sottile filo che divide la vita virtuale da quella reale. Così apparentemente diverse, così fatalmente intrecciate, tanto da influenzarsi a vicenda. Un tema che tocca da vicino non solo gli adolescenti, ma ormai anche i giovanissimi, che con il web hanno a che fare tutti i giorni.

Così, ci siamo avvicinati al mondo delle scuole, in particolare alle 4°, 5° elementari e 2° e 3° medie dell’Istituto Comprensivo di Loreggia (PD). Siamo partiti da casa, dal territorio, perché è importante seminare nel giardino di casa, perché i frutti del raccolto possano espandersi.

Oltre a sensibilizzare su quanto questo fenomeno sia un comportamento scorretto, e sicuramente uno dei modi peggiori per far uso del web, abbiamo fornito ai ragazzi gli strumenti per comprendere come poter essere d’aiuto nei confronti di amici e compagni, e anche per chiedere aiuto e come comunicare in prima persona questo disagio a genitori e insegnanti.

Tra le varie attività svolte, abbiamo “interrogato” i ragazzi e li abbiamo fatti interagire tra loro attraverso attività di gruppo e individuali, per stimolare un confronto costruttivo sull'uso degli strumenti digitali. Infinita risorsa di informazioni e contenuti interessanti, ma anche di insidie e pericoli sui quali bisogna sempre prestare attenzione: questa la risposta unanime dei piccoli studenti, che alla fine del mini-corso si sono dichiarati non solo soddisfatti, ma anche contenti di aver acquisito una maggiore consapevolezza degli strumenti e dei modi per interpretare la realtà digitale con uno sguardo sì curioso, ma sempre vigile.